Entrées/ Appetizers, Vegetariano/Vegetarian
Leave a comment

Tarte di pomodori caramellati

Sono nato nell’anno 1632, nella città di York, da una buona famiglia, ma non del paese; mio padre era uno straniero di Brema che si era stabilito in un primo tempo a Hull. Si fece una buona posizione con il commercio, poi, ritiratosi dagli affari, andò a vivere a York, città da cui aveva menato in sposa mia madre, i cui parenti si chiamavano Robinson, ed erano un’ottima famiglia del paese; dal loro nome io fui chiamato Robinson Kreutznaer; ma, per l’abitudine che si ha in Inghilterra di storpiare le parole, siamo ora chiamati, anzi ci chiamiamo e scriviamo il nostro nome, Crusoe;, e così mi chiamavano sempre i miei compagni.

tratto da La vita e le strane sorprendenti avventure di Robinson Crusoe di Daniel Defoe

Tarte di pomodori caramellati
(per 4 persone)

25 gr. di burro
1 cucchiaio di zucchero
500 gr. di pomodori ciliegia tagliati a metà
2 cucchiai di aceto di vino bianco
sale pepe q.b.

per la pasta
250 gr. di farina setacciata
un pizzico di sale
140 gr. di burro
1 cucchiaino di origano tritato, più altro per guarnire
5 – 6 cucchiai di acqua fredda

Preriscaldare il forno a 200°. Fare sciogliere il burro in una padella dal fondo spesso. Unire lo zucchero e fare cuocere a fiamma vivace fino a che comincerà a scurirsi. Togliere dal fuoco e unire subito i pomodorini e l’aceto, mescolando per condire uniformemente. Salare e pepare.
Posizionare i pomodorini in una teglia di 23 – 24 cm. di diametro, con la parte tonda verso l’alto, distribuendoli ordinatamente.
Preparare la pasta.
Riunire la farina, il sale, il burro e l’origano nel mixer e frullare fino ad ottenere un impasto granuloso. Incorporare acqua sufficiente ad ottenere un impasto morbido e compatto, ma non appiccicoso. Stendere la pasta dandole la forma di cerchio e appoggiarlo sopra i pomodori, rimboccando i bordi, se necessario. Bucherellare con una forchetta la superficie. Far cuocere nelforno caldo per 25 – 30 minuti fino a che la pasta sarà dorata e croccante.
Una volta sfornata, girare la tarte su un piatto da portata e spolverizzare con origano.


Tomatoes Tart
(serves 4)

1 ½ tablespoon (25 gr.) unsalted butter
1 tablespoon granulated sugar
½ kilogram (500 gr.) cherry tomatoes, chopped in half
2 tablespoons white wine vinegar
salt and pepper
For the pastry
2 cups (250 gr.) all-purpose flour, sifted
a pinch of salt
1 generous stick (140 gr). unsalted butter
1 teaspoon of chopped oregano (mostly for decoration)
5 – 6 tablespoons of cold water

Preheat oven to 400° F. (200°). Melt the butter in a thick-bottomed pan. Add the sugar and cook over high heat until it begins to turn brown. Remove from heat and immediately add the tomatoes and vinegar, stir to spread evenly the flavour. Season with salt and pepper. With the round side up, scatter the tomatoes in a baking tray 9 – 9.4 inches in diameter (23 or 24 cm.) and arranging them neatly. Prepare the dough. Bring together flour, salt, butter and oregano in a blender and blend until mixture is grainy. Add water to obtain a soft and compact dough (should not be sticky). Roll out the dough giving it the shape of a circle and lay over the tomatoes, tucking the edges if necessary. Prick the surface with a fork. Bake in preheated oven for 25 to 30 minutes until the pastry is golden and crisp. Once baked, turn the tart on a serving platter and sprinkle with oregano on top.

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Related posts:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>