Month: agosto 2011

Mirtilli, ribes e salmone in insalata

Non solo dolci: i frutti di bosco, con il loro gusto stuzzicante sono squisiti abbinati a sapori salati. I mirtilli, tondi e polposi dal colore viola-blu e dal sapore acidulo possono arricchire antipasti crudi di carne o di pesce, insalate o possono diventare la base per deliziose salse. E il ribes? Ottimo per bevande dissetanti, ma anche per arricchire e decorare piatti speciali.

Calamari grigliati con chutney di pomodoro e prugne Mirabelle

Originari dell’India, i chutney sono conserve agrodolci tipiche delle culture britanniche, diffuse poi in tutto il mondo. Il termine chutney deriva dal vocabolo indiano “Chatni” che significa “fortemente speziato”. Descritto come condimento, solitamente consiste in un mix di frutta tritata, aceto, spezie e zucchero. Come base per preparare il nostro chutney, abbiamo usato le prugne della qualità Mirabelles, questa particolare varietà si trova prevalentemente in Svizzera. Di piccole dimensioni, tonde e di colore giallo; il loro sapore è dolce e deciso. Siccome difficilmente reperibili, ringraziamo la nostra amica Gabriella, la “Gabri” che regalandocene un intero cesto, ce le ha fatte scoprire. Per poter assaporare tutto l’anno le intense fragranze del nostro chutney lo abbiamo preparato e invasato, per riporlo nella nostra dispensa e utilizzarlo tutte le volte che ci verrà la voglia d’estate.

Crostatine alle more

Con l’estate i frutti di bosco vivono il loro momento magico, poiché diventano gli ingredienti ideali per crostate e desserts. Ottimi se mangiati freschi e perfetti per confetture e gelatine. Durante una salutare passeggiata estiva nei boschi, mi sono imposta una sosta: non tanto per riposare, quanto per cogliere e gustare le polpose bacche di colore purpureo, che emergevano dai rovi durante il tragitto: le more. Come spesso accade, le cose tanto desiderate sono irraggiungibili e questa regola si è verificata anche nel caso di questi fruttini estivi: le più grosse e succose si trovavano sui rovi più alti……. Ma immaginando già il loro sapore, mi sono spinta oltre il possibile equilibrio e…… sono caduta, in mezzo alle spine, ma, trascinando con me quel ramo pieno di more tanto agognate…….Sono uscita con un po’ di graffi sulle gambe, ma ne è valsa la pena…….e questo è il risultato. Crostatine di more: capaci di suscitare all’istante l’acquolina in bocca. Classiche con la crema pasticcera…… Che ve ne pare?

Pane invasato allo zafferano

Che cosa c’è di più buono del pane, quando il pane è buono? Prepararlo in casa è uno dei piaceri da sperimentare: l’atmosfera che si crea intorno è affascinante e inizia al momento dell’impasto, quando le mani entrano nella massa densa e la pasta prende forma, diventa viva Poi viene l’attesa, curiosa, ansiosa che vede la pasta crescere. Infine la cottura in forno che restituisce forme dorate e saporite, riempiendo la casa di un profumo inconfondibile. Adoro il pane fatto in casa, soffice e morbido. Questo pane “invasato” dal sapore lievemente speziato e dall’allegro colore dato dallo zafferano, è molto semplice da preparare e può entrare a far parte del quotidiano. Oggi abbiamo avuto la fortuna di cuocerlo in un vero forno a legna, ma anche cotto in quello di casa, Vi assicuro che è buonissimo.

Gazpacho di cetrioli

Anche se tipico della cucina spagnola, il Gazpacho, letteralmente “miscuglio” si trova sulle tavole di tutto il mondo. La famosa zuppa fredda, a base di verdure crude, è proposta in numerose varianti di sapori e colori. Avendo in casa dei bei cetrioli li abbiamo usati per la nostra ricetta, che accompagnata da piccole tapas, si è rivelata la giusta proposta per una cena estiva, leggera, fresca e deliziosa.

Carbonara di patate

Sulla storia della carbonara si sentono tante voci. Sembra che le prime tracce si possano trovare come evoluzione del semplice piatto chiamato “cacio e ova”, diffuso nel Lazio ed in Abruzzo già nel ‘700. Ma è nel dopoguerra, che bacon (sostituito poi dalla pancetta affumicata nostrana) e uova in polvere, portate a Roma dalle truppe Usa, si incontrano con la tradizione della pastasciutta romana, fino a creare l’attuale ricetta della Carbonara. Partendo da questa ricetta della tradizione culinaria italiana, ho deciso di proporla, rivisitata nella sostanza ma non nella forma. Infatti, ho sostituito la pasta con un ingrediente che, tagliato con l’apposito attrezzo, riproduce fedelmente la forma degli spaghetti e, ho mantenuto gli altri elementi originari, con una piccola aggiunta.

Mini hamburger mediterranei con chips di patate

Facili e veloci, le polpette nate negli Usa possono diventare un piatto ricco e goloso con l’aggiunta di pochi ingredienti. La carne generalmente di manzo, vitello o pollo, per un gusto più delicato, può essere aromatizzata con spezie o formaggio grattugiato o salumi. Abbiamo deciso per un hamburger mediterraneo, ma servito con il più classico dei contorni Usa: le chips di patate. Mini hamburger mediterranei con chips di patate (per 4 persone) 360 gr. di carne di vitello, macinata 240 gr. di salsiccia di maiale 3 patate di media grandezza 30 gr. di parmigiano Reggiano grattuggiato 30 gr. di pomodori secchi 5 gr. di foglie di salvia 3 rami di rosmarino (5 gr.) olio extravergine d’oliva sale pepe olio per friggere In una ciotola, mescolare la carne di vitello, la salsiccia, il formaggio grattugiato e una macinata di pepe con un 1 cucchiaino di olio fino ad ottenere un composto ben amalgamato e mettere da parte. A parte, ammorbidire i pomodori secchi in un po’ di acqua tiepida, per circa 5 minuti. Lavare ed asciugare …

Gelato al kiwi con zafferano e pinoli

Il gelato é una gratificazione, un’attrazione fatale alla quale é difficile sottrarsi. Con i nuovi trends del gusto, si preparano sorbetti o gelati con insoliti ingredienti, con ottimi risultati. All’intenso profumo dello zafferano corrisponde il gusto delicato ed acidulo del kiwi giallo. Ecco, quindi, un suggerimento per gustare un gelato, cremoso e profumato, soddisfando le persone più curiose ed esigenti. Gelato al kiwi con zafferano e pinoli (per 2 persone) 5 kiwi gialli 100 gr. di zucchero 100 gr. di acqua 200 ml. di panna fresca 3 tuorli d’uovo 1 bustina di zafferano 30 gr. di pinoli Per le meringhe alla francese 2 albumi (60 gr.) a temperatura ambiente 120 gr. di zucchero al velo 1 pizzico di sale qualche goccia di succo di limone, filtrato Preparare le meringhe. Accendere il forno a 80° – 100°. In una ciotola a bordi alti, versare gli albumi, un pizzico di sale e metà dello zucchero velo. Montare gli albumi a neve fermissima, poi, con un cucchiaio di legno, incorporare il resto dello zucchero a velo, poco alla …