Abaca, abaco, Abacuc… Abacrasta, il nome del mio paese, non lo troverete in nessuna enciclopedia, e neanche segnalato nelle carte geografiche. Al mondo non lo conosce nessuno, perché ha solo milleottocentoventisette anime, novemila pecore, millesettecento capre, novecentotrenta vacche, duecentoquindici televisori, quattrocentonovanta vitture e millecentosessantatré telefonini.

tratto da La leggenda di Redenta Tiria di Salvatore Niffoi

Ziti in mousse di peperoni
(Per 4 persone)

500 gr.di ziti
2 peperoni rossi di media grandezza
1 peperone giallo di media grandezza
150 gr. di ricotta vaccina
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 manciata di capperi di Pantelleria
2 cucchiai di pangrattato
sale q.b.
pepe q.b.

Accendere il forno a 250°. Lavare e asciugare i peperoni, porli su di una teglia e infornarli per circa 25 minuti, rigirandoli di tanto in tanto fino a che tutta la pelle non si abbrustolisca e cominci a straccarsi dalla polpa. Estrarre i peperoni dal forno e introdurli in un sacchetto di plastica chiuso, dove li lascerete a sudare fino a che non saranno diventati tiepidi, quindi spellarli, aprirli in due e togliere i semi e i filamenti interni. Porre la polpa di peperone nel mixer, aggiungere l’olio, il sale, la ricotta e i capperi e frullare il tutto fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Nel frattempo tostare in una padella antiaderente il pangrattato. Cuocere gli ziti in abbondante acqua salata, scolarli al dente e mantecarli per un minuto circa con la mousse di peperoni. Cospargere la pasta con il pangrattato tostato, una macinata di pepe nero e servire immediatamente.

Facebook Comments