Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.
Anche le cucine incredibilmente sporche mi piacciono da morire.
Mi piacciono col pavimento disseminato di pezzettini di verdura, così sporche che la suola delle pantofole diventa subito nera, e grandi, di una grandezza esagerata. Con un frigo enorme pieno di provviste che basterebbero tranquillamente per un intero inverno, un frigo imponente, al cui grande sportello metallico potermi appoggiare. E se per caso alzo gli occhi dal fornello schizzato di grasso o dai coltelli un po’ arrugginiti, fuori le stelle che splendono tristi.
Siamo rimaste solo io e la cucina. Mi sembra un po’ meglio che pensare che sono rimasta proprio sola.

tratto da Kitchen di Banana Yoshimoto

Raviolocchi campani
(per 4 persone)

500 gr. di patate
250 gr. di farina 0
3 tuorli
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 presa generosa di sale
1 albume

Per la farcia
500 gr. di salsiccia piccante di maiale
3 fasci di friarielli
2 spicchi di aglio
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
peperoncino fresco (facoltativo)
sale

Per il sugo
500 gr. di pomodori freschi
5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale
10 foglie di basilico

Preparare la farcia.
Mondare i friarielli, togliendo i gambi e le foglie più rovinate. Nel frattempo mettere la salsiccia in una padella e coprire di acqua. Dopo circa 10 minuti, con i rebbi di una forchetta punzecchiarla leggermente, in modo che parte del grasso fuoriesca e cuocere ancora per 5 minuti. Eliminare tutta l’acqua formatasi e, nella stessa padella, unire 2 cucchiai di olio, uno spicchio di aglio schiacciato, lasciando rosolare lentamente il tutto per circa 10-15 minuti.
In una padella a parte, rosolare nell’olio rimasto l’altro spicchio di aglio, unire i friarielli, salare e coprire con un coperchio. Appena i friarielli si sono leggermente ammorbiditi, togliere il coperchio, profumare con il peperoncino e continuare la cottura a fuoco vivace per altri 5 minuti. Nella padella con i friarielli unire le salsicce e lasciare insaporire per altri 5 minuti. Far raffreddare, eliminare eventuali residui di acqua, mettere la salsiccia e la verdura nel mixer e frullare il tutto in modo da ottenere un composto omogeneo e compatto.
Preparare la pasta.
Lavare le patate e cuocerle in acqua salata per 40 minuti o fino a quando saranno cotte. Scolarle, sbucciarle ancora calde, e passarle attraverso uno schiacciapatate; raccogliere la purea sul piano di lavoro, unire il sale, la farina setacciata, i tuorli, l’olio e lavorare rapidamente gli ingredienti fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo. Formare una palla e lasciarla riposare per circa un quarto d’ora, coperta con un telo. Su un ripiano leggermente infarinato, stendere l’impasto in 2 sfoglie con uno spessore di circa 3 – 4 mm. Con la farcia formare delle palline il più tonde e regolari possibili dal diametro di 4 cm. circa. Distribuirle su una sfoglia distanziandole bene tra loro. Sovrapporre alla sfoglia con il ripieno, l’altra sfoglia, schiacciando con le dita attorno al ripieno per sigillare i due strati di pasta, facendo uscire l’aria per non creare bolle. Servendovi di un coppapasta rotondo del diametro di 5 cm., ritagliare il “raviolocco” adagiandoli a mano a mano, su un piano asciutto e leggermente infarinato.
Preparare il sugo.
Lavare e mondare i pomodori. Sbollentarli in acqua, sbucciarli, eliminare i semi e frullare la polpa con 2 cucchiai di olio e un pizzico di sale. Rosolare l’aglio nell’olio rimasto, unire la polpa di pomodoro, metà delle foglie di basilico tritate grossolanamente e cuocere per 4-5 minuti a fiamma viva, e tenere in caldo. Cuocere i “raviolocchi” in abbondante acqua salata in leggera ebollizione. A mano a mano che vengono a galla, scolarli con una schiumarola, distribuirli nei piatti, condire con il sugo di pomodoro e spolverizzare con il basilico tritato rimasto.

Facebook Comments