Sono uscito di testa il sei settembre del mille e novecento novantanove. Lo ricordo bene perché era il giorno del mio trentesimo compleanno. La mia data di nascita ha sempre provocato ilarità. Quando dovevo dichiararla, i presenti sorridevano ammiccanti per via del volgare riferimento ad una posizione del Kamasutra, per altro nemmeno troppo originale. Ve ne sono di più interessanti e acrobatiche, ma la gente si accontenta di poco per sghignazzare. E così mi son portato dietro quella data (sei, nove, sessantanove) come se fosse una colpa o un difetto fisico. A dir la verità dovrei ammettere che non sono mai stato del tutto normale e che già da bambino avevo comportamenti inusuali. Probabilmente fu l’approssimarsi del nuovo millennio a provocare la crisi irreversibile.

tratto da Le lumache non bevono vino di Raffaele Mangano

Tartellette esotiche
(per 4 tartellette di 12 cm. di diametro)

300 gr. di pasta sfoglia
150 gr. di frutta essiccata mista: ciliegie uvetta cocco mango papaya ananas mela
75 gr. di cioccolato fondente
burro morbido e farina per gli stampi

Preparare la pasta sfoglia o utilizzare quella già pronta.
Accendere il forno a 180°. Imburrare e infarinare gli stampi, stendere la pasta e tagliare 4 dischi di circa 16 cm. di diametro. Riempire gli stampi con un disco di pasta, facendo sbordare quella in eccesso, e bucare la base delle tartellette con una forchetta. Spezzettare il cioccolato, tritare grossolanamente il mix di frutta essiccata e porre il composto sulla base di pasta. Tagliare 4 dischi di 12 cm. di diametro e coprire le tartellette, sigillare i bordi creando un cordoncino di pasta. Infornare per circa 20 minuti.

Facebook Comments