Sarà per quel suo aspetto slanciato e sicuro. Sarà per il suo gusto e le svariate qualità, ma quando quest’ortaggio primaverile, dalla storia millenaria, entra in cucina la tentazione di inserirlo in ogni ricetta è grande.
Anche se difficile a credersi questa “pianta” dalle qualità medicamentose e terapeutiche (si usa nella preparazione di decotti medicinali per curare infiammazioni interne, occhi e reni) di cui si mangiano i germogli, é della stessa famiglia dei gigli e dei mughetti.
Ma tralasciando le informazioni medico botaniche, già quando li stai acquistando cerchi, guardandone i mazzi, di interpretare quale fresco sapore darà al piatto che hai in mente; se più o meno elaborato o se poi cadrai come al solito assaporandoli cosi’ semplicemente lessati e con un filo di condimento.
Questa volta abbiamo pensato ad un paio di idee: la prima semplice accompagna i sapori dell’asparago con quelli freschi e zuccherini della pesca…


Insalata di asparagi con pesche alla menta

(per 4 persone)

100 gr. di asparagi sottili
4 pesche gialle di Volpedo
20 gr. di basilico
20 gr. di menta
50 gr. di rucola
1 pizzico di zenzero macinato
olio extravergine d’oliva
sale

Mondare gli asparagi, eliminando le parti più dure e farli cuocere in abbondante acqua salata per circa 5 minuti. Trasferirli in una ciotola di acqua gelata per bloccarne la cottura e scolarli.
Lavare le pesche, ridurle a spicchi e farle cuocere in padella per 3 o 4 minuti. Lavare la menta e il basilico, eliminando i gambi e tritarli. Raccoglierli in una ciotola, condire con l’olio ed un pizzico di zenzero macinato e mescolare. Lavare e asciugare la rucola. Disporre gli asparagi nei piatti, versare sopra le fette di pesca, condire con la salsa alle erbe e servire.

Facebook Comments