Crostata al caramello e frutta secca…una ricetta del grande pasticcere francese Christophe Adam.
E’ composta da un cremoso al caramello e mascarpone ultra vellutato e da uno strato di glassa al caramello e cioccolato.
Per terminare, una moltitudine di frutta secca caramellata per dare ancora più croccantezza.
Una crostata terribilmente golosa!
Se siete fan del caramello, questa crostata al caramello e frutta secca é dedicata a Voi.

Crostata al caramello e frutta secca

Crostata al caramello e frutta seccaCrostata al caramello e frutta secca

Crostata al caramello e frutta secca

Porzioni 9
Chef Aria

Ingredienti

Pâte sucrée alla mandorla

  • 170 g di farina per frolla
  • 70 g di zucchero a velo
  • 20 g di polvere di mandorle
  • 120 g di burro morbido
  • 40 g di uovo intero
  • 1,5 g di sale
  • semi di 1 bacca di vaniglia

Cremoso caramello-mascarpone

  • 82 g di zucchero semolato
  • 104,5 g di panna fresca
  • 1 pizzico di Fior di sale
  • 159 g di mascarpone
  • 1,8 g di gelatina (Paneangeli)
  • 50 g di burro a cubetti

Glaçage caramel

  • 36 g di acqua
  • 109 g di zucchero semolato
  • 32 g di sciroppo di glucosio
  • 232 g di panna fresca
  • 27 g di cioccolato al latte
  • 1 pizzico di Fior di sale
  • 2 g di gelatina (Paneangeli)

Frutta secca caramellata

  • Nocciole del Piemonte, intere e tagliate a metà
  • arachidi non salate
  • pinoli
  • zucchero a velo

Extra

  • grué di cacao
  • granella di mandorle tostata

Istruzioni

Pâte sucrée alla mandorla

  1. Nella ciotola della planetaria con la foglia, sabbiare il burro con lo zucchero a velo, la polvere di mandorle e i semi della bacca di vaniglia.

    Aggiungere l’uovo e amalgamare.

    Terminare aggiungendo la farina ed il sale, setacciati.

    Amalgamare giusto il tempo necessario per ottenere un composto omogeneo.

    Stendere la pasta in un disco, avvolgere nella pellicola e riporre in frigo per almeno 8 ore (vedi note).

Per foderare l’anello

  1. mburrare e appoggiare gli anelli su una teglia con carta da forno (io ho utilizzato teglia e tappetino microforati).

    Su un ripiano leggermente infarinato (o tra 2 fogli di carta da forno) con il mattarello stendere la pasta a 2 mm. di spessore e foderare la base ed i bordi degli anelli.

    Rimuovere l’eccesso di pasta con un coltello affilato (nonostante il tappetino e la teglia microforata, io buco comunque la frolla sul fondo).

    Riporre in frigo nuovamente per 2 ore.

    (Io ho utilizzato 1 cerchio microforato da 19 cm di diametro e 2 cm di altezza e 3 cerchi da 7 cm di diametro e 2 cm. di altezza - Pavoni).

Cottura

  1. Accendere il forno ventilato a 165°C.

    Cuocere lo stampo da 19 per 22 minuti e quelli da 7 cm per 16 minuti e lasciar raffreddare completamente.

    Impermeabilizzare la base ed i bordi spennellando con burro di cacao fuso (facoltativo).

Cremoso caramello-mascarpone

  1. Ammollare la gelatina in acqua fredda.

    Caramellare a secco lo zucchero.

    Contemporaneamente, scaldare la panna fresca con il Fior di sale.

    Fuori dal fuoco, decuocere il caramello con la panna calda e mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo.

    Aggiungere il burro e mixare con un frullatore ad immersione.

    Aggiungere la gelatina strizzata, frullare ed attendere che la temperatura scenda a 40°C.

    Ammorbidire il mascarpone con una frusta.

    Quando il caramello ha raggiunto la temperatura adeguata, versarlo, in 2 o 3 volte, sul mascarpone e amalgamare le 2 masse.

    Ora avrete 2 possibilità:

    o versare subito il cremoso nel guscio fino a 2/3 mm dal bordo e riporre in frigo per 2 ore;

    oppure lasciar raffreddare il cremoso 2 ore in frigo e poi riempire (sempre fino a 2/3 mm dal bordo) il guscio (aiutandosi con una sac à poche) lisciando la superficie con una spatolina.

Glaçage caramel

  1. Ammollare la gelatina in acqua fredda.

    Fare un caramello con lo zucchero, lo sciroppo di glucosio e l’acqua.

    Contemporaneamente scaldare la panna con il fior di sale e decuocere, fuori dal fuoco, il caramello.

    Rimettere sul fuoco, mescolare e cuocere fino alla temperatura di 105°C.

    Lasciar raffreddare per 10 minuti.

    Aggiungere la gelatina strizzata e il cioccolato tritato.

    Emulsionare con un frullatore ad immersione.

    Lasciar raffreddare il glassage fino a circa 50/55 °C

Montaggio

  1. Dopo aver riempito il guscio con il cremoso, versare il glaçage sul cremoso, fino a l bordo.

    Eventualmente battere leggermente sotto la placca per distribuire la glassa in maniera uniforme.

    Riporre in frigo per 1 ora.

Frutta secca caramellata

  1. Mettere le nocciole e lo zucchero a velo (che dev’essere metà del peso della frutta secca) in un pentolino.

    Fare cuocere a fuoco medio, mescolando in continuazione con una marisa, fino a quando le nocciole saranno ben avvolte dallo zucchero (a questo punto, saranno sabbiate).

    Lasciar cuocere fino a quando saranno ben caramellate, poi stenderle su un Silpat e lasciar raffreddare.

    Procedere alla stessa maniera con tutta la frutta secca (vedi note).

    Decorare la crostata con la frutta secca caramellata, grué di cacao e granella di mandorle a vostro piacimento.

Note

Pâte sucrée alla mandorla: C. Adam mette tutti gli ingredienti insieme nella planetaria.
Io ho preferito seguire un metodo più classico. A voi la scelta.
Cremoso caramello-mascarpone: avanza 1 tazzina da caffè.
Glaçage caramel: avanzano 3 cucchiai.
Frutta secca caramellata: prima di versare la frutta secca sul silpat, potrete aggiungere un pochino di burro di cacao nel padellino, per aiutare a separare i singoli pezzi.
Non vi so dare una quantità precisa di frutta secca che ho utilizzato….più o meno 100 g, complessivamente.
Se doveste farne un po’ troppa, è talmente buona che non andrà sprecata.
Io l’ho preparata il giorno prima.

Crostata al caramello e frutta secca

Crostata al caramello e frutta secca

Crostata al caramello e frutta secca

Crostata al caramello e frutta secca

 

Facebook Comments